Da Tirano provincia di Sondrio (Lombardia), parte il Trenino Rosso del Bernina. Molti lo chiamo il trenino più bello del mondo. Da cent’anni fa un viaggio di due ore tra l’Italia e la Svizzera, sulla ferrovia più ripida del mondo.

Una avventura insolita fino a 2.253 metri di quota, unica in Europa, inizia cosi un viaggio spettacolare ed indimenticabile, sia d’ inverno che d’estate in questo treno composto da moderne e confortevoli carrozze, tra montagne incantate e panorami mozzafiato, che dura dal 1910, e che non ha perso una briciola de suo fascino. Questo forse perché i binari di questo favoloso trenino portano il turista a toccare quasi il cielo.

Trenino Rosso del Bernina

Una avventura Insolita

Non solo è la natura a stupire, ma è anche la ferrovia stessa che fa spettacolo: locomotive e vagoni giocattolo stazioncine che sembrano fatte a traforo, curve strettissime, viadotti e gallerie elicoidali con pendenze e tratti impressionanti. Le principali cittadine sulla linea del Trenino Rosso del Bernina, hanno tutti spunti interessanti per una sosta.

 Questo  percorso ferroviario inizia a Tirano, stazione terminale della linea FS proveniente da Milano.  Dopo pochi chilometri troviamo subito una meraviglia: il viadotto di Brusio, una rampa elicoidale all’aperto. Superato il valico a quota 2253 m s.l.m., presso Montebello si offre all’osservatore l’impressionante vista sul ghiacciaio del Monteratsch e sul gruppo del Bernina, coi suoi “quattromila” scintillanti di nevi eterni. Si dirama la linea per Samaden-Coira (città più antica della svizzera, per le testimonianze della età della pietra), fino ad arrivare  a Saint Moritz, al ritorno passerà per la galleria del Vereina  che è la galleria a scartamento metrico più lunga del mondo.

 Tirano nel week end tra l’8 e il 9 maggio celebra il centenario con una serie di iniziative, tra cui degustazione di prodotti tipici valtellinesi, viaggi sul trenino, mostre d’artigianato e arte, visita ai monumenti cittadini.