Situata in Campania, è una delle più incantevoli mete turistiche del mondo, frequentata da numerose personalità di ogni arte, con i suoi 42 chilometri di roccia precipitata al mare, colorata e profumata da i suoi giardini ricolmi di fiori,  svela i suoi suggestivi paesini nascosti. Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

Venendo da nord facciamo un bel percorso ed incontriamo per prima Vietri sul Mare, dove ci sono le botteghe della famosa ceramica di Vietri, gli artigiani locali sono famosi nel mondo per la loro creatività, particolare è la decorazione che fanno su pannelli e mattonelle con i paesaggi della costiera. Ravello, la città della musica, qui incontriamo il giardino incantato di Klingsor, sospeso sul mare nella  villa Rufolo, e la villa Ciambrone, creazione di un lord inglese, costruita sullo sperone più alto di Ravello, con la sua celebre terrazza dell’Infinito, uno dei paesaggi più belli al mondo.

 Incontriamo poi Amalfi, con la sua piazza centrale dedicata Flavio Gioia, l’inventore della bussola,a pochi passi dal centro la Valle dei Mulini, dove si elabora la  pregiata carta a mano amalfitana, con un Museo a essa dedicata. A 5 chilometri da Amalfi, nella baia di Conca di Marini, troviamo la Grotta dello Smeraldo, deve il suo nome alla particolare colorazione assunta dall’acqua che riflette la luce che filtra dalle rocce di quel tratto di Costiera Amalfitana, creando effetti cromatici dalle strabilianti sfumature: dal blu cobalto, al turchese al verde smeraldo.

 Proseguiamo poi per Positano

Giardino Incantato di Klingsor-Villa Rufolo

Positano

 l’unico posto al mondo concepito sul un asse verticale anzi che orizzontale, eletto  raffinato salotto d’ Europa perché ospito personaggi intellettuali ed illustri come Picasso, Eduardo di Filippo ecc. .

Positano, la meta turistica più esclusiva della provincia di Salerno, è anche artigianato. Dire Positano è infatti dire Moda Mare: tra i vicoli del Comune costiero numerose e coloratissime boutique espongono capi di abbigliamento ormai noti in tutto il mondo, caratterizzati da tessuti e colori che sembrano ispirati dall’ambiente circostante: il verde della macchia mediterranea, l’azzurro del mare limpido, il giallo dei limoni amalfitani. Uno stile, quello della moda Positano che si contraddistingue anche per i tessuti naturali utilizzati, quali lino e cotone.

 Per arrivare in Costiera si possono utilizzare treni, bus e auto, ma ci sono anche collegamenti diretti con gli aeroporti di Napoli e Salerno. Il modo migliore per raggiungere la Costiera, però, resta sempre l’automobile. L’aeroporto più vicino alla Costiera Amalfitana è quello di Pontecagnano, inaugurato nel Settembre 2008. L’aeroporto dista circa 40 minuti da Salerno. Chi arriva all’aeroporto di Capodichino può arrivare in Costiera Amalfitana prendendo il treno o il metro del mare. Per arrivare al centro, dall’aeroporto di Capodichino c’è il servizio Alibus, il bus che dalle 6:30 alle 23:30, porta sia alla stazione ferroviaria, da dove è possibile prendere il treno per Salerno, sia alla stazione Marittima di Piazza Municipio, per utilizzare il Metrò del Mare.