Magistrale edificio che per la sua complessità non ha precedenti nella storia dell’arte, l’ultima cattedrale del mondo moderno sarà prossimamente visitata dal Papa.

Gaudì, geniale architetto modernista volle costruirla già dal 1874 anche se i lavori iniziarono nel 1882. Come quasi tutte le opere architettoniche della chiesa, anche questa costruita con le contribuzioni dei fedeli, per cui chi la finanziava espiava i propri peccati: FALSA TEORIA DELLA CHIESA CATTOLICA!. Sicuramente resta un opera senza uguali, un vero capolavoro di architettura gotica medievale.

 Quando l’ho vista per la prima volta, ancora circondata dalle normali impalcature di un cantiere, mi colpi straordinariamente, posso dire che è semplicemente stupefacente, come se fosse una visione, veramente unica. Andando ad indagare più a fondo scopro a mia sorpresa, che per Gaudì era il suo chiodo fisso, al punto che egli stesso non esitava a chiedere la carità per le strade quando le casse erano vuote, ed ora anche dopo 128 anni non è ancora finita.

 Il metodo di costruzione di Gaudì era assolutamente originale, sorprende la sua facciata chiamata della “Gloria” da Gaudì  poiché egli diceva che la Gloria è luce, la luce dona gioia e la gioia è allegria dello spirito, non a caso questa facciata è rivolta a sud inondata dal sole per la maggior parte della giornata. La torre principale di 170 mt. fu dedicata a Gesù, attorno ad essa 4 torri a forma di pinnacoli colorati dedicate invece agli apostoli Giacomo, Bartolomeo, Tommaso e Filippo. Poi c’è la facciata della natività unica ad essere completata da Gaudì, e ricorda la nascita ed adolescenza di Gesù.

 Un’opera straordinaria, un vero inno alla natura, piena di simbolismi anche pagani, ingegnosamente abbinati da Gaudì, il quale traeva spunto appunto dalla natura e la religione per ispirarsi alla sua realizzazione. Una cosa è certa continuerò ad indagare su Gaudì e le sue opere….. alla prossima!!!!