Category: Campania


Capo Palinuro è una bellissima locazione turistica nel Sud Italia nel Parco Nazionale del Cilento al sud di Napoli e Salerno – offrendo delle spiagge più lunghe dell’Europa con acqua limpida come il cristallo, migliore cucina Italiana, Cilentana ed internazionale di pesce fresco, verdure locali, olio di oliva extravergine, fichi secchi, olive sotto sale, acciughe marinate, e salame fatto in casa.

Si dice che debba il suo nome allImmagineImmagineo sfortunato timoniere di Enea, come racconta Virgilio nell’Eneide , proprio qui cadde in mare perdendo la vita. Molto apprezzata dai vacanzieri per il suo mare limpidissimo, la sua scogliera meravigliosa è fatta di grotte naturali e baie stupende. Il segreto di Palinuro sono le grotte marine, tutte  da scoprire , tra cui la più importante la grotta azzurra caratterizzata da un colore azzurro brillante, ma le altre non perdono il proprio fascino. Tutte sono raggiungibili solo via mare.

Molto frequentato, questo centro balneare, offre notevoli attrezzature ricettive e sportive, campeggi e villaggi vacanze .

Annunci

Cilento: Terra del Mito.

 Il parco Nazionale del Cilento è uno dei pochi luoghi in Italia dove il turista può trovare ancora paesaggi incontaminati e poco sfruttati dal turismo di massa. E’ un territorio vasto 215.000 ettari una vera oasi naturalistica e protetta. Nel 1991 fu riconosciuta Patrimonio Mondiale dell’Umanità dal Unesco.

 

La sua costa  e fra le più belle d’Italia, con un centinaio di chilometri di spiaggi alcune dichiarate Bandiera Blu nel 2013, questo è il luogo ideale per una vacanza de relax e per chi cerca spiagge grandi e sicure con un mare limpidissimo e anche per chi ama un turismo balneare e più sportivo, fatto di esplorazioni in cale, grotte e d’immersioni in fondali incontaminati. Nel Cilento il paesaggio della storia ha lasciato traccie indelebili, universalmente conosciuta, “Terra del Mito” ha lasciato in epoca remota insediamenti greci, lucani, romani. Inoltre tutto il Cilento è famoso per la sua cucina tradizionale basata su una varietà di piatti tipici. Scopriremo ancora di più di questa terra… sarà un piacere invitarvi ogni volta a visitarci, sperando di accogliervi personalmente e aiutarvi a trascorrere un viaggio indimenticabile…Programma per visitare il cilento

rsz_1rsz_1cilento Tour nel Cilento:

 

https://www.rebelmouse.com/Maria_Ottati/tour-nel-cilento-539980243.html?xrs=RebelMouse_fb&1399477541

http://www.cilentonotizie.it/dettaglio/?ID=15632  bandiera blu 2103

punta-licosaSnorkeling 01Castellabate già rinominato per essere lo back stage del film “benvenuti al sud,ospita la frazione di LICOSA. Vero e proprio paradiso per i bagnanti alla ricerca di tranquillità e natura rigogliosa, Punta Licosa offre una vasta area forestale su cui prospera la macchia mediterranea al cui interno è situato un minuscolo borgo alle pendici del Monte Licosa (326 mslm). e un’antica rocca. Una volta superata la pineta si ha l’accesso a tante piccole spiagge rocciose il cui mare antistante fa parte della riserva marina di Castellabate. La gita in barca all’isolotto di Licosa rappresenta il giusto coronamento di una giornata passata in uno dei posti più incantevoli del Cilento. Gli abitanti del posto raccontano dell’esistenza di una leggenda nella quale Sirena Leucosia si innamorò dell’eroe omerico che però non la degnò d’attenzione. Fù così che la Sirena, per la disperazione, si gettò in mare dalla rupe ed il suo corpo prese le forme immortali di uno scoglio, che oggi è ‘isola di Licosa.  Alla mitica sirena che da il nome alla località sono dedicati due concerti sull’acqua tenuti su imbarcazioni poste nel tratto di mare che separa la spiaggia della Punta Licosa dall’isolotto di Licosa..

L’accesso a Punta Licosa avviene attraverso due strade a traffico limitato situate nelle frazioni di Ogliastro Marina e San Marco di Castellabate.

 Paestum, uno dei più preziosi gioielli archeologici d’Italia e celebre in tutto il mondo, anticamente chiamata Poseidonia ma in seguito diventata colonia romana acquisto il nome di Paestum.

Porta d’ingresso nel Cilento con e 12 km di spiagge sabbiose, mantiene ancora il suo charme a dispetto del tempo. La grande meraviglia del Parco Archeologico sono i tre templi dorici del v secolo a.c ispirati alla architettura greca. Il tempio Cerere, sorge sulla parte più alta della città dedicato alla dea della saggezza e delle arti Atena. Tempio di Hera, più noto come basilica, dedicato a Hera sposa di Zeus, principale divinità di Poseidonia. Tempo Nettuno, uno dei migliori templi dorici del mondo in assoluto. Una volta si pensava che fosse dedicato a Nettuno, ma da recenti studi si è scoperto che fosse dedicato ad Apollo nel suo ruolo di medico. Oltre al parco archeologico è possibile visitare l’annesso museo archeologico che ricostruisce la storia della scoperta del sito. Poi per finire una bella ed interessante giornata è bene visitare una delle tante aziende dove è possibile vedere l’elaborazione della mozzarella di bufala prodotto tipico e molto diffuso nella zona.downloadImmagine


 

 Pompei Viva, è cosi che si chiama il programma che intende valorizzare e tutelare uno dei siti più importanti straordinari e suggestivi al mondo: Gli scavi di Pompei, con un milione di visitatori all’anno è stato dichiarato Patrimoni Mondiale dell’Umanità.

Pompei è stata scelta in passato dai romani, per il suo clima mite, e per trascorrere le loro villeggiature, costruirono qui case e ville suntuose, conservate perfettamente grazie all’eruzione vulcanica del 79 d.c, che preservò la vita romana di quei tempi intatta com’era in quel momento. L’aspetto più sorprendente infatti è l’alto numero di case lussuose e umili conservate con tutto il corredo di botteghe, osterie e forni, permettendoci di penetrare gli aspetti più intimi della vita degli antichi.

 Passeggiare per gli scavi è un’ esperienza unica ed emozionante è come compiere un viaggio nel tempo, si respira l’atmosfera della vita dell’antichità quella pubblica e soprattutto quella privata, qui sono stati ritrovati tanti oggetti e soprattutto gli affreschi dell’epoca ancora integri, che si possono ammirare nelle ville, la più famosa è ammirata è senz’ altro la  villa dei Misteri, sia per la sua bellezza che per le sue pitture di alto valore artistico.

 Per tutto il periodo d’estate e fino ad ottobre la Sopraintendenza archeologica di Pompei con la collaborazione della regione Campania, organizza passeggiate notturne (Le Lune di Pompei), negli scavi, lungo questo emozionante percorso vengono svelati i luoghi più significativi della Pompei notturna, con luci, suoni e voci fuori campo, questa iniziativa mira alla spettacolarizzazione del sito proponendolo come un luogo vivo. Il percorso inizia un’ora dopo il tramonto, guida d’eccezione, la voce del attore Luca Ward e musiche di sottofondo di Ennio Moricone. Uno spettacolo multimediale ricostruisce le drammatiche fasi dell’eruzione.

 Per raggiungere Pompei, l’aeroporto di riferimento è quello di Capodichino, Napoli, arrivati si può noleggiare un’ auto che vi porterà negli scavi che si trovano a 34 km. O in alternativa col treno sulla linea Napoli Salerno  a 35 minuti di distanza, alla stazione si può prendere la metro di Napoli (Circumvesuviana), gli scavi sono serviti dalla metro presso Porta Marina (più usato) e l’anfiteatro. video:

http://www.youtube.com/watch?v=z1DyfWy9t1Y //

Situate entrambe nel golfo di Napoli, con un mare ed un paesaggio dello straordinario fascino, Capri: un vero spettacolo tra cielo e mare. Ischia: giardino d’Europa, tra le più rinomate stazioni termali al mondo.

Capri una delle mete più famose al mondo, di perenne incanto, amata fin dall’antichità dal Imperatore Augusto e Tiberio, apprezzata per i suoi spettacolari Faraglioni, la Grotta Azzurra, e la 

Il fascino di Capri

Relax per il corpo e la mente

Via Krupp, un sentiero unico al mondo, costruito su un costone roccioso, fu progettata e realizzata dall’ingegner tedesco Emilio Mayer tagliando la roccia viva fino al mare, con un percorso a tornanti così stretti da sembrare sovrapposti. Guardandola dall’alto o percorrendola, regala un effetto così strabiliante da poterla ritenere una vera e propria opera d’arte, addolcita dalla vegetazione tipicamente mediterranea che spontaneamente vi cresce.

 Qui è possibile fare un bel giro del isola, prendendo una barca a motore sul porto di Marina Grande, che vi porterà, per 2 ore sui punti più suggestivi dell’isola, come la Grotta Bianca, L’Arco Naturale, i Faraglioni e Marina Piccola, la stesso servizio di barche offre una escursione all’ interno della Grotta Azzurra, in barca a remi, per esplorarla all’suo interno. Ci sono poi le lance Sorrentine, con bagno, asciugamani, doccia e bibite fresche, con le quali potete sostare nei punti di maggior interesse dell’isola e fare diversi bagni durante la giornata lontano dalla folla. Chi vuole può riservare un po’ di tempo per visitare i musei e monumenti di Capri.

Ischia è la più grande dell’Isole del Golfo di Napoli, detta l’isola verde per la sua lussureggiate vegetazione. I fanghi e le acque curative dalle proprietà radioattive sono il volto dolce di questa natura vulcanica, vero e proprio tesoro, nota dal tempo dei romani e che hanno contribuito alla fama di Ischia, fino a farne ritrovo obbligato per l’elite di tutta Europa.

 Questa è anche la regina del turismo Health and Beauty, durante tutto l’anno è possibile vivere una esperienza unica per il corpo e lo spirito, in uno dei tanti centri benessere, dove gli ospiti possono scegliere fra una gamma completa di trattamenti estetici, massaggi rilassanti, antistress, fisioterapia e palestra. Questo è il periodo giusto, quando i prezzi sono  più accessibili e le isole meno affollate.

Hotel 4 stelle, nelle vicinanze dell’aeroporto di Salerno, Pontecagnano, in posizione ottimale per effettuare escursioni turistiche a: Costiera Amalfitana, Sorrento, Pompei, Napoli, Ischia, Capri. Camere spaziose e accoglienti, dotate di ogni comfort, e servizi privati: aria condizionata, accesso ad internet wireless, tv, piscina, ristorante, trasposto gratuito da e per la stazione treni di Pontecagnano ad albergo. Ben collegato al porto di Salerno con traghetto verso le Isole, e Positano.

Hotel de 4 estrellas cerca del aeropuerto de Salerno, Pontecagnano, es ideal para excursiones a la costa de Amalfi, Sorrento, Pompeya, Nápoles, Ischia, Capri. Habitaciones  amplias y confortables, equipadas con todas las comodidades y baño privado , aire acondicionado, radio, televisión, piscina, restaurante, trasporte gratis desde  y hacia la estación de tren Pontecagnano al hotel. Bien conectado con el puerto de Salerno para tomar el  ferry hacia las islas y Positano.

Situata in Campania, è una delle più incantevoli mete turistiche del mondo, frequentata da numerose personalità di ogni arte, con i suoi 42 chilometri di roccia precipitata al mare, colorata e profumata da i suoi giardini ricolmi di fiori,  svela i suoi suggestivi paesini nascosti. Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

Venendo da nord facciamo un bel percorso ed incontriamo per prima Vietri sul Mare, dove ci sono le botteghe della famosa ceramica di Vietri, gli artigiani locali sono famosi nel mondo per la loro creatività, particolare è la decorazione che fanno su pannelli e mattonelle con i paesaggi della costiera. Ravello, la città della musica, qui incontriamo il giardino incantato di Klingsor, sospeso sul mare nella  villa Rufolo, e la villa Ciambrone, creazione di un lord inglese, costruita sullo sperone più alto di Ravello, con la sua celebre terrazza dell’Infinito, uno dei paesaggi più belli al mondo.

 Incontriamo poi Amalfi, con la sua piazza centrale dedicata Flavio Gioia, l’inventore della bussola,a pochi passi dal centro la Valle dei Mulini, dove si elabora la  pregiata carta a mano amalfitana, con un Museo a essa dedicata. A 5 chilometri da Amalfi, nella baia di Conca di Marini, troviamo la Grotta dello Smeraldo, deve il suo nome alla particolare colorazione assunta dall’acqua che riflette la luce che filtra dalle rocce di quel tratto di Costiera Amalfitana, creando effetti cromatici dalle strabilianti sfumature: dal blu cobalto, al turchese al verde smeraldo.

 Proseguiamo poi per Positano

Giardino Incantato di Klingsor-Villa Rufolo

Positano

 l’unico posto al mondo concepito sul un asse verticale anzi che orizzontale, eletto  raffinato salotto d’ Europa perché ospito personaggi intellettuali ed illustri come Picasso, Eduardo di Filippo ecc. .

Positano, la meta turistica più esclusiva della provincia di Salerno, è anche artigianato. Dire Positano è infatti dire Moda Mare: tra i vicoli del Comune costiero numerose e coloratissime boutique espongono capi di abbigliamento ormai noti in tutto il mondo, caratterizzati da tessuti e colori che sembrano ispirati dall’ambiente circostante: il verde della macchia mediterranea, l’azzurro del mare limpido, il giallo dei limoni amalfitani. Uno stile, quello della moda Positano che si contraddistingue anche per i tessuti naturali utilizzati, quali lino e cotone.

 Per arrivare in Costiera si possono utilizzare treni, bus e auto, ma ci sono anche collegamenti diretti con gli aeroporti di Napoli e Salerno. Il modo migliore per raggiungere la Costiera, però, resta sempre l’automobile. L’aeroporto più vicino alla Costiera Amalfitana è quello di Pontecagnano, inaugurato nel Settembre 2008. L’aeroporto dista circa 40 minuti da Salerno. Chi arriva all’aeroporto di Capodichino può arrivare in Costiera Amalfitana prendendo il treno o il metro del mare. Per arrivare al centro, dall’aeroporto di Capodichino c’è il servizio Alibus, il bus che dalle 6:30 alle 23:30, porta sia alla stazione ferroviaria, da dove è possibile prendere il treno per Salerno, sia alla stazione Marittima di Piazza Municipio, per utilizzare il Metrò del Mare.  

 

 

Il suo successo intramontabile è dovuto oltre alla sua bellezza ed atmosfera unica, alla sua posizione strategica tra le più importanti attrazioni turistiche italiane, è da sempre meta del turismo internazionale.

Hai voglia di primavera? Voglia di belle giornate di sole, di mare  e di relax?. Se cerchi tutto questo non puoi perderti la primavera a Sorrento, un perfetto mix di montagna, mare, relax e vita mondana.

Primavera a Sorrento

panorama di Sorrento

Per visitare Sorrento non occorrono guide, basta solo immergersi nelle stradine e paesini e lasciarsi andare.

 La primavera è il periodo più bello per visitarla, il tempo senza troppo caldo e il profumo degli aranci e limoni, rende l’aria dolcemente profumata. Per regalarci una bella giornata di mare e godere del fascino di tutta la penisola Sorrentina , è consigliabile noleggiare una imbarcazione sul posto per una rilassante gita in barca e raggiunge le insenature più difficilmente raggiungibili via terra, come ad esempio gli scogli di Galli e la suggestiva Baia di Ieranto.

 Noleggiando una di queste barche si può seguire un itinerario personale o visitare le vicine isole di Capri, Procida, Amalfi e Positano, o per quelli che sono incuriositi dal mondo della pesca, si può trascorrere una giornata a bordo di un peschereccio, molti pescatori della zona organizzano gite dove è possibile apprendere i segreti e le tecniche del mestiere, e non è raro che il turista da semplice ospite, diventa membro attivo del equipaggio, e si assicura un ottimo pranzo a base di pesce, magari pescato con l proprie mani.

 Per portare a casa qualcosa di Sorrento, qui potete acquistare, lavori tipici fatti in legno, ceramiche artistiche o il limoncello (liquore tipico), gioielli in argento, coralli, centri e fazzoletti.

La gastronomia e fatta di specialità come l’olio, la mozzarella, la pasta fatta in casa o la parmigiana di melanzane.  Si venire a Sorrento è vivere una esperienza unica: venire da turista e ripartire come uno della famiglia, perché l’ospitalità è soprattutto dal suo popolo, e l’arte della accoglienza non si può improvvisare, ma si tramanda da generazione in generazione.

 

Casi 2500 años de historia ha dejado en Nápoles, muchos testimonios arquitectónicos y artísticos ,que le dan importancia como  antigua capital del sur de Italia.

Nápoles, famosa por la suavidad de su clima, su mar, sus islas  apreciadas en todo el mundo, es la sede del Palacio Real, situado en el centro de Nápoles, a poca distancia de la Piazza Municipio.
Es una solemne y majestuoso palacio que se convirtió en la residencia de los reyes españoles y austríacos.  Planteado desde el año 1600, para una de las capitales más grandes y pobladas del imperio español.

Construida para albergar el Rey de España Felipe III, que había decidido visitar la capital del vice reino : Nápoles, y no existiendo  una residencia digna del monarca (en ese entonces, el  poderoso de la tierra), el conde de Lemos, Fernando Ruiz de Castro, decidió construir este palacio famoso e imponente. La tarea fue confiada al arquitecto suizo Domenico Fontana.

La broma está en el caso de Felipe III, del carácter voluble, el cuál decidió cancelar su visita, 

Parte interion del Palacio Real

pero en este caso el engaño no causo  ningún daño, ya  que naciò  este hermoso palacio señorial, que es parte del patrimonio artístico de Nápoles.

Hay muchos lugares que merece la pena visitar en Nápoles, desde sus famosas islas: Capri y Sorrento, los numerosos castillos, museos e iglesias de su casco antiguo, considerado Patrimonio de la Humanidad. Sin olvidar su gastronomía, considerada la mejor del mundo, y su famosa “Pizza Napolitana”